domenica 13 aprile 2014

Carcharodontosaurus by CollectA, Prehistoric Collection 2014

Il Carcharodontosaurus è famoso per essere uno dei più grandi dinosauri carnivori conosciuti; eppure di questo gigantesco animale però sono stati ritrovati pochi resti, in particolare parti del cranio e del corpo.
Nonostante la sua fama, non è stato spesso rappresentato in modelli e per questo motivo, quando la CollectA ha annunciato che avrebbe rilasciato nella sua collezione un Carcharodontosaurus “Deluxe”, i collezionisti hanno gioito.

Le gambe sono corte: non era certo un velocista.

Il modello, essendo nella versione “Deluxe”, è veramente imponente, non solo per le sue dimensioni (oltre 30 cm di lunghezza), ma anche per il fatto di essere molto massiccio. Il corpo è molto muscoloso, soprattutto le gambe e la coda. In particolare quest’ultima è molto spessa lateralmente; questa è una caratteristica che è smesso dimenticata nelle statuine di teropodi, nonostante la coda avesse dei grossi muscoli responsabili della locomozione. 
Purtroppo la CollectA si è lasciata prendere la mano nell'aggiungere massa al Carcharodontosaurus, perché i fianchi sono troppo larghi.

Lungo il dorso e i fianchi vi sono delle grosse squame triangolari.

Il cranio è lungo e affusolato e si nota quanto sia stato ricostruito con cura. I denti hanno le giuste dimensioni in proporzione alla testa e sono scolpiti e colorati singolarmente.

Gli occhi sono neri come quelli dello squalo bianco, da cui prende il nome.

La colorazione non è troppo appariscente (e sarebbe stato strano diversamente per un animale lungo oltre 10 metri), tranne che nella testa. Infatti, in corrispondenza dell’orbita e della finestra temporale, la pelle è celeste, mentre la punta della mascella e la mandibola sono grigie e bianche.

Ciaaaao!

Uno dei punti forti del Carcharodontosaurus CollectA è che riesce a reggersi perfettamente sulle due zampe senza avere bisogno di alcun supporto (anche se qualcuno si è lamentato del contrario: state attenti quando lo scegliete in negozio!). Gli artigli dei piedi sono leggermente troppo grandi, ma questo aggiunge stabilità al modello.

Le zampe anteriori sono piccole e le dita hanno lunghezze diverse.

Sicuramente questo Carcharodontosaurus è uno dei migliori della CollectA, nonostante i piccoli difetti: non può davvero mancare in una collezione che si rispetti!


domenica 30 marzo 2014

Prehistoric Sealife by Safari ltd, Toobs 2010

Nei “Toobs” della Safari ltd si possono trovare una serie di miniature legate da un tema, che sono vendute in un tubo di plastica trasparente. Se negli anni passati, la qualità e la quantità erano abbastanza limitate e spesso le miniature erano un semplice rimpicciolimento degli analoghi modelli più grandi, adesso la situazione è completamente cambiata. Infatti, la qualità dei dettagli è notevolmente aumentata, le sculture sono originali e la scelta dei Toobs si è decisamente ampliata, anche per noi amanti della preistoria.
Nel 2010 è uscito un Toob dedicato alle forme di vita dei mari preistorici, composta da dieci pezzi.  La scelta dei vari animali è ottima e comprende pesci, mammiferi e vari tipi di rettili.



Basilosaurus: Il lungo corpo serpentiforme è dipinto di grigio-azzurro, mentre il ventre è color panna. Nonostante le minuscole dimensioni del cranio, i denti sono scolpiti e dipinti in modo da farli risaltare. In questa ricostruzione il Basilosaurus ha una piccola pinna dorsale, come quella in alcune Balenottere.




Chlamydoselachus: Conosciuto anche come Squalo Frangiato, questo strano pesce vive negli abissi oceanici anche ai nostri giorni. E’ presente in questo Toob perché animali molto simili sono stati ritrovati già nel Tardo Cretaceo. Il modello in particolare è una perfetta riproduzione dello squalo odierno.




Dolichorhynchops: Questo plesiosauro dal collo corto è uno dei migliori pezzi del Toob, sia per qualità della pittura (che appare compatta) e per correttezza anatomica. Unica pecca, l’errore nel nome stampato nel ventre.




Elasmosaurus: Ha il collo giustamente mantenuto in orizzontale e la forma delle quattro pinne è corretta. La colorazione è grigia, ma con delle strane sfumature color ruggine.




Henodus: Vagamente somigliante a una tartaruga, questo rettile del Tardo Triassico è stato ritrovato in quella che ora è la Germania. Le squame ossee che costituiscono il carapace sono esattamente scolpite singolarmente, e si possono notare anche le minuscole squame nel corpo e nella coda. Il carapace è liscio, ma anche qui si possono vedere le varie placche che lo formavano.




Ichthyosaurus: Sicuramente il pezzo peggiore del Toob. Il corpo è troppo compresso lateralmente e le pinne posteriori sono quasi delle stesse dimensioni di quelle anteriori. Nonostante il cranio fossile di Ichthyosaurus abbia decine di denti appuntiti, essi non sono stati scolpiti in questa replica.




Liopleurodon: I denti sono tutti delle stesse dimensioni e troppo vicini l’uno con l’altro e questo diminuisce il valore di una scultura altrimenti valida.





Metriorynchus: Nonostante il muso po’ troppo largo, il resto della scultura è buono. La pittura è il suo vero punto debole: lo strato superiore di smalto è troppo diluito e si riesce a vedere lo strato sottostante.




Nothosaurus: Il migliore del Toob. Oltre l’accuratezza anatomica, la qualità dei dettagli è ottima. Oltre alla trama della pelle, resa perfettamente, i piccoli denti sono scolpiti e dipinti singolarmente. Inoltre le mani e i piedi sono palmati, per aiutare l’animale a nuotare nei mari triassici.




Tylosaurus: Ottimi dettagli della pelle, piena di striature e grinze. La scultura è davvero buona e riesce a ben ricostruire la flessuosità di quest’animale.



Questo Toob è un ottimo modo per includere nella propria collezione un paio di animali preistorici rari e altrimenti introvabili in altre collezioni. Si può acquistare direttamente nello shop della Safari ltd o in altri negozi dedicati ai modellini preistorici

domenica 16 marzo 2014

Arizonasaurus by Bullyland, Museum Line

L’Arizonasaurus fa parte di un gruppo di arcosauri chiamato Rauisuchia, rettili simile a coccodrilli, e visse in Arizona circa 243 milioni di anni fa nel Triassico Medio.

La scala è circa 1:15.


Questo modello della tedesca Bullyland si basa su una statua a grandezza naturale del museo di Stoccarda, come nel caso del Liliensternus.

Il fratello più grande.


Il cranio ricalca il fossile, anche se i dettagli si perdono nella resa in scala: la mascella, per esempio, ha una linea dritta mentre dovrebbe essere leggermente curva. Purtroppo, come in tutti i modelli Bullyland, i denti sono colorati approssimativamente e non sono per niente appuntiti.

Davanti gli occhi vi sono due piccole corna.


Caratteristica peculiare di quest'animale era la vela dorsale, sostenuta dalle spine neurali delle vertebre dorsali. Nel modello essa è molto spessa alla base e si fonde con i fianchi, mentre si assottiglia in cima, ma è molto diversa da quella di rettili come il Dimetrodon.

Anche la colorazione è basata sulla statua del museo di Stoccarda.


L’Arizonasaurus probabilmente era un bipede facoltativo e in questa ricostruzione si è optato per una più tradizionale andatura quadrupede, con l’arto anteriore sinistro alzato da terra per dare l’impressione che stia camminando.

Il livello dei dettagli è buono. Al contrario di altri modelli Bullyland gli artigli sono colorati diversamente dal resto del corpo.

Se vi piace aggiungere animali preistorici inusuali e poco conosciuti alla vostra collezione, allora vale la pena di considerare l’acquisto dell’Arizonasaurus Bullyland. Purtroppo non fa più parte del catalogo, ma non dovrebbe essere difficile da trovare su Ebay o in qualche negozio sul web.

lunedì 17 febbraio 2014

Risultati sondaggio!

Nello scorso post vi avevo chiesto quale brand merita, secondo voi, il premio per le migliori novità introdotte nel 2014.

Bene, ecco i risultati!



All'inizio è stato un testa a testa tra CollectA e PAPO, ma alla fine l'azienda francese e' riuscita a prevalere con il 40% delle preferenze. L'indubbia qualità dei dettagli mostrata negli anni passati vi ha evidentemente convinto, oltre alla popolarità di un dinosauro come il Dilophosaurus.

Tutto già lo vogliono, ma lo vedremo solo in estate inoltrata. 


Da notare come la Schleich non prenda neanche una preferenza: la totale mancanza di accuratezza scientifica e un look molto retro' hanno sicuramente giocato a sfavore. Non mi stupirei, tuttavia, che i suoi nuovi modelli riusciranno a vendere molto bene grazie all'ampia diffusione nei negozi.

Nel frattempo l'Archeopteryx PAPO ha fatto la sua comparsa su qualche web-store tedesco, ve lo siete già accaparrato?

domenica 26 gennaio 2014

Le novità del 2014! (Con sondaggio alla fine)

Il 2014 è iniziato ormai da qualche settimana e finalmente tutte le aziende che producono modellini preistorici hanno rivelato le nuove aggiunte alle loro collezioni.

Safari ltd.

La Safari ltd. anche quest’anno ha aggiunto solo un modello alla sua Carnegie Collection - un nuovo Tyrannosaurus - per festeggiare il 25° anniversario della nascita della serie. La Wild Dinos invece vanta cinque nuovi modelli, non solo di dinosauri.

Tyrannosaurus

Suchomimus

Pachyrhinosaurus

Megalodon

Ammonite

Monolophosaurus

PAPO

Quest’anno la PAPO rilascerà tre modelli, sempre ricchi di dettagli e dallo stile inconfondibile.

Archeopteryx

Dilophosaurus

Cucciolo di Triceratops

CollectA

Come al solito la CollectA vanta il maggior numero di nuovi modelli: ben dodici! E la scelta è molto varia, si va dai rettili marini e volanti ai mammiferi preistorici, passando ovviamente dai dinosauri.

Saurophaganax

Arsinoitherium

Ichthyovenator

Mosasaurus

Bistahieversor

Quetzalcoatlus + Cucciolo di Alamosaurus

Carcassa di Stegosaurus

Cucciolo di Tyrannosaurus

Carcharodontosaurus

Xenoceratops

Gastonia

Therizinosaurus


Bullyland

Due nuovi modelli si aggiungeranno alla Musuem Line, entrambi di dinosauri erbivori.

Lambeosaurus lambei

Europasaurus holgeri

Schleich

Quattro saranno le novità, ma per due si tratta di un remake di modelli già esistenti. Come ogni anno la Schleich farà discutere, per il suo stile molto fantasioso e poco rigoroso dal punto di vista scientifico.

Tyrannosaurus

Therizinosaurus

Pentaceratops

Velociraptor

Questo è un po’ il quadro generale che si prospetta per noi collezionisti in questo nuovo anno. Ma secondo voi quale tra le aziende appena citate si merita il titolo per le migliori novità del 2014? Vi chiedo quindi di partecipare al sondaggio ed eventualmente di lasciare un commento!

Scegli il top del 2014!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...